È un dato di fatto che le aziende da qualche tempo stiano trasferendo gran parte della loro attività di comunicazione e marketing dai  media tradizionali a quelli di nuova generazione offerti dal web, con un importante vantaggio sia dal punto di vista del risparmio economico che della risposta degli utenti.
Ma qual è la formula vincente per ottenere il massimo dall’investimento del proprio budget? Ce lo dice un interessante studio realizzato da Edit Optimisation, che ha interpellato esperti delle maggiori agenzie di marketing internazionali.

Al primo posto per ottenere un buon ritorno sugli investimenti troviamo l’attività di SEO, al secondo il pay per click, mentre al terzo c’è l’e-mail marketing, a seguire compaiono il Facebook marketing, le pubbliche relazioni e il direct mail marketing. Mentre tra i peggiori investimenti per il ROI figurano la pubblicità televisiva, radiofonica, il telemarketing, le affissioni.

Questi dati sono confermati dal trend del settore che ha visto nel corso dell’ultimo anno un incremento nell’utilizzo dei social media del 65%, mentre i media tradizionali precipitavano del 45%. In Italia il primo trimestre del 2013 ha in gran parte confermato il trend internazionale: tutti i principali media registrano perdite comprese tra il -20% e il -30%, mentre internet segna un +2,1 (dati Nielsen).

Ma questa indagine nasconde un’informazione ancora più preziosa: ciò che sta facendo crollare l’universo del marketing sui media tradizionali è che il pubblico non si fida più della comunicazione di massa, mentre con i social media sente di aver recuperato tutto il valore e l’affidabilità del vecchio “passaparola”.

Come scatenare il passaparola positivo sul web intorno al vostro prodotto sarà l’argomento che tratteremo in uno dei prossimi post!